I Paesi dell’Unione europea

Paesi Membri dell’UE

 

Nell’immagine le 6 tappe che hanno portato l’Europa a 27 Stati membri.

Sin da quando è stata fondata, quasi 50 anni fa, l’UE è diventata una sorta di magnete che ha attirato un flusso costante di nuovi membri, fino allo storico allargamento del maggio 2004 che ne ha portato il numero da 15 a 25: l’allargamento del 1 gennaio 2007 e quello del 1 luglio 2013 che ha portato il numero degli stati membri a 28: un successo.

Tutti i paesi europei possono aderire, a condizione di avere un sistema democratico stabile che garantisca lo stato di diritto, i diritti umani e la tutela delle minoranze, ma anche un’economia di mercato efficiente e un’amministrazione pubblica in grado di applicare la normativa comunitaria.

Il 3 ottobre 2005 sono cominciati i negoziati di adesione con la Turchia.

L’Ex repubblica jugoslava di Macedonia (FYROM) ha ottenuto nel dicembre del 2005 lo status di candidato ufficiale dopo aver fatto espressa richiesta nel mese di gennaio del 2004. Lo stato deve risolvere le sue dispute con la Grecia dopodiché verrà presa una decisione ufficiale sull’inizio dei negoziati per l’adesione.

Possono trascorrere anche dieci o più anni fra il momento in cui un paese presenta la domanda di adesione e quello dell’adesione effettiva. Una volta approvato, il trattato di adesione deve essere ratificato dal Parlamento europeo e dai parlamenti nazionali sia del paese candidato che di tutti gli Stati membri.

 Oggi l’UE accoglie 28 paesi Ai sei paesi fondatori Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, se ne sono aggiunti altri 22

Tutti noi dobbiamo maturare la convinzione che dell’Unione devono far parte tutti gli Stati del vecchio continente

 

 Stati membri dell’UE  (anno di adesione)

Paesi candidati

Paesi candidati potenziali

* Tale designazione non pregiudica le posizioni riguardo allo status ed è in linea con la risoluzione 1244 (1999) dell’UNSC e con il parere della CIG sulla dichiarazione di indipendenza del Kosovo